Fossili dell’Antartide

La collezione di Fossili Tipo e Figurati del British Antarctic Survey

La raccolta di fossili in Antartide è impegnativa e difficile. Così poche persone sono state lì che quasi tutto ciò che si raccoglie rappresenta un animale o una pianta fossile che era precedentemente sconosciuto alla scienza. La collezione di fossili del BAS è cresciuta costantemente da quando è stata avviata negli anni ’40, e ora contiene circa 40.000 esemplari fossili.

Caccia al dinosauro su Sandwich Bluff, Vega Island. Resti fossili di un dinosauro ipsilopodontide di circa 70 milioni di anni. Le ossa frammentate del cranio, degli arti anteriori e della colonna vertebrale di un animale lungo 5 metri sono state raccolte durante una crociera scientifica all’isola di James Ross

I fossili marini, principalmente gusci di animali senza spina dorsale, sono importanti per aiutarci a datare le rocce. Le somiglianze tra gruppi di organismi indicano precedenti connessioni attraverso e tra gli oceani. Sono stati trovati anche ossa e denti di pesci e rettili marini.

L’Antartide oggi è un deserto freddo e inospitale; tuttavia, nel passato più lontano, il clima era molto più caldo. Abbondanti ritrovamenti di foglie e legno fossili indicano l’esistenza di estese foreste nei periodi geologici precedenti, anche a pochi gradi di latitudine dal Polo Sud stesso. I dinosauri, e più tardi, i mammiferi marsupiali una volta vagavano sulla sua superficie.

Un archivio fotografico della collezione di fossili “Type and Figured” del BAS è disponibile online. Contiene più di 3000 immagini ad alta risoluzione di esemplari fossili. I dati scientifici ed eventuali riferimenti relativi agli esemplari sono visualizzati accanto alle immagini. Gli esemplari possono essere trovati sfogliando i gruppi di animali e piante; o cercando utilizzando le informazioni descrittive registrate per ogni fossile (dove noto), compresa la posizione, la stratigrafia, l’età geologica e il numero dell’esemplare.

Scala del tempo geologico - Era Mesozoica

Gamma di date della collezione di fossili

La maggior parte dei fossili sono dell’era Mesozoica (250-65 milioni di anni fa), che riflette l’età delle rocce conservate nella penisola Antartica da cui provengono. Questa è stata l’età dei dinosauri, e un’epoca che ha migliorato notevolmente la nostra comprensione dei cambiamenti evolutivi, dei movimenti continentali e dei climi che portano ad oggi.

Cosa c’è nella collezione di fossili?

Molluschi

I molluschi sono un gruppo enormemente vario – i tipi di molluschi trovati in Antartide includono:

  • Gasteropodi (lumache)
  • Bivalvi (conchiglie marine simili a vongole)
  • Cefalopodi (calamari con guscio a spirale come le ammoniti; calamari con parti interne dure a forma di proiettile come i belemniti; e polpi).

Arthropods

Gli artropodi includono insetti, crostacei e aracnidi e globalmente costituiscono l’80% di tutte le specie viventi descritte. Importanti esemplari fossili di artropodi all’interno della collezione includono il primo crostaceo sessile ad essere descritto dal continente e alcuni gamberi straordinariamente conservati.

Echinodermi

Gli echinodermi sono un gruppo di animali marini che includono stelle marine, stelle fragili e ricci di mare. La collezione ospita la prima stella di mare asteroide del Giurassico (200-145 milioni di anni fa) proveniente dall’Antartide.

Piante

Legno fossile, polline, spore e foglie eccezionalmente conservate appaiono nella collezione di fossili BAS da una serie di piante: da felci e pini a muschi e ginkgo.

Fosco cretaceo 120 milioni di anni fa nella penisola antartica. Ricostruzione basata sul lavoro di dottorato di Jodie Howe, Università di Leeds/BAS, dipinto da Robert Nichols nel 2003.
Questa immagine è associata al programma scientifico BAS 2005-2010: GEACEP (Greenhouse to Ice-House Evolution of the Antarctic Cryosphere and Palaeoenvironment).

Belli fossili di piante si trovano conservati in abbondanza all’interno di arenarie e fanghi della Penisola Antartica, in particolare le rocce del Cretaceo (145-65 milioni di anni fa) dell’isola Alexander e delle isole Shetland meridionali.

Il diverso assemblaggio di fossili di piante ha permesso di ricostruire una foresta antartica – con pini, felci e muschi nel sottobosco. Sono presenti anche ginkgo fossili e le cicadi dell’emisfero sud.

Le piante da fiore (le angiosperme) appaiono più tardi (~100 milioni di anni fa), e includono il faggio meridionale Nothofagus. Dato che questa parte dell’Antartide era posizionata a circa 70°S in questo periodo, le piante presenti – simili a quelle che si trovano oggi in Nuova Zelanda e Tasmania – suggeriscono che il clima era relativamente caldo e temperato nel tardo Mesozoico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.