Infermiera….my IV hurts!!!

Hai appena iniziato una PIV nel braccio destro del paziente e subito dopo, il paziente si lamenta di un forte dolore e chiede che la PIV venga rimossa. Cosa faresti?

  1. Lascia la PIV dentro e dì al paziente, certo che farà male, ti ho appena infilzato con un ago
  2. Valuta il sito della flebo e se non si nota rossore o gonfiore, lascia la flebo dentro e dì al paziente che il dolore passerà presto
  3. Riposiziona il catetere, applica una nuova medicazione e lascia la flebo dentro.
  4. Ascolta il paziente e rimuovi la PIV.

Ci sono pazienti che si lamentano del disagio o del leggero dolore dopo l’inserimento di una PIV o mentre la PIV è immersa. Molti infermieri riportano questo scenario come una situazione difficile, in particolare in certi pazienti che hanno spesso qualcosa di cui lamentarsi. Molti infermieri riferiscono comunque che ascoltano i loro pazienti e prendono le misure appropriate.

Questo non è stato il caso di un infermiere del pronto soccorso descritto in questo servizio di notizie locali. “Donna ottiene 927.000 dollari per un’operazione mal riuscita”. Il paziente si lamentava del dolore dopo l’inserimento della flebo e chiese all’infermiera di rimuovere il catetere. L’infermiera non l’ha fatto e il PIV è stato lasciato in posizione per oltre 24 ore. La notizia non includeva dettagli sull’esatta posizione della PIV. Si può solo ipotizzare che la flebo sia stata posizionata nella fossa antecubitale o nel polso, causando il danno ai nervi sperimentato dal paziente.

Le lesioni ai nervi possono derivare dalla venipuntura. I due nervi più spesso danneggiati durante una procedura di venipuntura sono i nervi radiale e mediano. Il nervo radiale passa lungo il lato del pollice del braccio, dalla spalla fino alla zona del polso, ed è in prossimità della vena cefalica. In una procedura di venipuntura, la vena cefalica è spesso la vena di scelta per molti medici. I tre pollici distali del nervo radiale, appena sopra il pollice, sono l’area più spesso ferita durante l’inserimento di dispositivi IV periferici. Il nervo mediano è il nervo più grande del braccio. Corre all’interno della fossa antecubitale e passa attraverso l’avambraccio nel palmo della mano. Quando gli infermieri prelevano sangue dalla fossa antecubitale o inseriscono dispositivi IV periferici, potrebbero entrare in contatto e ferire questo nervo. L’inserimento di cateteri IV nelle vene superficiali dell’aspetto interno del polso sopra il palmo della mano può provocare gravi lesioni al nervo mediano e la sindrome del tunnel carpale.

Questa è una situazione spiacevole sia per il paziente che per l’infermiera che ha ammesso la “negligenza” in questo caso. Le lesioni nervose legate alla venipuntura sono una delle aree più comuni di negligenza che coinvolgono gli infermieri. Facciamo di questo un’opportunità di apprendimento e teniamo a mente quanto segue.

  • Ascolta il paziente. Che ci piaccia o no, il paziente ha sempre ragione!
  • Evitare le aree di flessione come il polso o la fossa antecubitale quando si seleziona un sito IV. È molto allettante usare questi siti perché le grandi vene si trovano lì, ma resistere all’impulso di usarli per la venipuntura.
  • Rimuovere immediatamente il catetere IV se il paziente si lamenta di dolore acuto, formicolio o intorpidimento al sito o si irradia alle aree vicine al sito IV. Questo è molto difficile soprattutto al pronto soccorso dove un dispositivo di accesso venoso è necessario immediatamente per somministrare i farmaci. Pensate a riavviare un’altra flebo in un altro sito e rimuovete quella di cui il paziente si lamenta non appena lo stato del paziente lo permette.

Cartoon dal Journal of Nurse Jocularity gennaio 2008.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.