La morfologia della colonna di Clarke nel Lesser Bushbaby (Galago senegalensis)

Abstract

La morfologia della colonna di Clarke è stata studiata in un primate prosimiano, Galago senegalensis (lesser bushbaby). La colonna si estende dalla porzione rostrale di C8 alla regione rostrale di L3. Si possono riconoscere tre classificazioni di cellule, basate sulle dimensioni. Le cellule di classe A sono piccole, misurano meno di 25 µm di diametro, sono di varie forme multipolari e contengono poca sostanza Nissl. La popolazione di piccole cellule non sembra cambiare significativamente lungo la lunghezza della colonna. Le cellule di classe B sono di medie dimensioni e misurano tra i 25 e i 49 µm di qualsiasi dimensione. Sulla base di differenze distinte nella forma, queste cellule possono essere suddivise in tipi multipolari allungate, stellate o fusiformi. Le cellule di classe C sono le più grandi e misurano 50-87 µm di lunghezza e 20-37 µm di larghezza. Queste cellule sono orientate craniocaudalmente con dendriti longitudinali che misurano fino a 375 µm di lunghezza. Le cellule fusiformi e C di classe B sono predominanti nei livelli mediotoracici. Le cellule allungate e stellate di classe B sono i principali tipi di cellule visti nei segmenti associati alle terminazioni rostrali e caudali della colonna. La colonna mostra un netto aumento di cellule di classe B e C nei segmenti T12-L2. Nei livelli superiore e mediotoracico, la colonna si trova alla base mediale del corno dorsale. Nei livelli toracici inferiori, la colonna si sposta medialmente e si trova adiacente alla linea mediana e dorsale al canale centrale. Nei livelli lombari superiori, prima della terminazione, la colonna si sposta dorsolateralmente. Nelle regioni caudale e rostrale di L1 e L2, rispettivamente, la colonna sporge nel funicolo dorsale.La colonna di Clarke termina piuttosto bruscamente nella regione rostrale di L3. Le cellule situate più dorsalmente nella colonna tendono a terminare più caudalmente di quelle nella parte ventrale. Le cellule situate ventralmente terminano nelle regioni caudale e rostrale di L1 e L2, rispettivamente. La terminazione rostrale è più sottile. Si ritiene che la colonna cellulare termini al confine rostrale di C8 a causa del rapporto tra la popolazione cellulare e il numero di sezioni per segmento. A C7, la popolazione cellulare è inferiore al numero medio di sezioni; quindi, dando ad ogni sezione in C7 una popolazione di cellule inferiore all’1%. Insieme al grado di differenziazione cerebellare e alla morfologia degli arti posteriori, la distribuzione della colonna di Clarke nel cespuglietto minore può essere collegata ai modelli posturali e locomotori dimostrati in questo animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.