Lo zucchero sta distruggendo la tua salute ormonale

Il colpevole. Unsplash

La tua sveglia suona alle 7:00 del mattino. Ti alzi dal letto, ti precipiti fuori dalla porta e ti dirigi al lavoro. Prendi un muffin (zucchero) e un caffè con latte e zucchero (zucchero) per colazione. Alle 10:00 sei affamato, quindi prendi un bagel avanzato (zucchero) nella cucina dell’ufficio. A mezzogiorno, mangi un panino su pane bianco (zucchero) per pranzo. Quella sera hai un appuntamento dove bevi qualche bicchiere di vino (zucchero), pasta (zucchero), e non puoi fare a meno di desiderare il dolce (zucchero).

Non c’è da stupirsi che la nostra società sia dipendente dallo zucchero: è ovunque! È anche nei posti apparentemente meno ovvi come lo yogurt, la salsa di pomodoro e le barrette proteiche “sane”. Per mantenere la salute, l’energia sostenuta, il peso, la salute cognitiva e l’equilibrio ormonale, lo zucchero nel sangue deve essere bilanciato durante la giornata. Ma se sei l’esempio di cui sopra, questo è impossibile da fare. La tua dieta ti fa sentire sfinito, esausto e costantemente affamato. I tuoi ormoni sono in overdrive, e stai lottando per sentirti al meglio giorno dopo giorno.

Mentre può essere ovvio che mangiare troppo zucchero raffinato può causare aumento di peso, ti sei fermato a pensare all’effetto che ha sulla tua salute ormonale? Causa mal di testa, problemi digestivi, sintomi della sindrome premestruale, crampi, acne, nebbia cerebrale e altro ancora. E se ti ritrovi a desiderare uno spuntino dolce pochi minuti dopo aver finito un pasto completo, beh, la dipendenza dallo zucchero ti ha colto in flagrante.

La dipendenza dallo zucchero è reale. Infatti, la scienza dimostra che la dipendenza da zucchero è paragonabile alla dipendenza da cocaina. I sintomi di astinenza, le voglie e il comportamento di “ricaduta” sono simili a quelli di un tossicodipendente. No, non sei pazzo e non è tutto nella tua testa. Con una persona media che consuma (probabilmente senza saperlo) 82 grammi di zucchero (cioè 19,5 cucchiaini da tè) al giorno, non c’è da meravigliarsi se siamo una società di drogati. E gli effetti dello zucchero sulla salute sono disastrosi.

Il nostro corpo usa lo zucchero (sotto forma di glucosio) per rapidi scoppi di energia. I nostri antenati usavano questi rapidi scoppi di energia per fare cose come correre da un animale minaccioso. I loro livelli di cortisolo aumentavano (aumentando la quantità di glucosio rilasciato nel flusso sanguigno) solo per bruciarlo rapidamente dopo essere sfuggiti all’attacco (lo zucchero nel sangue si consumava, e lo zucchero nel sangue tornava alla linea di base).

All’epoca, lo zucchero si trovava solo sotto forma di frutta e bacche, ed era un raro piacere, non un’indulgenza quotidiana. Noi esseri umani moderni consumiamo zucchero a colazione, pranzo, cena e dessert, grazie all’industria alimentare che lo ha introdotto praticamente in tutto. Allora, cosa succede davvero nel nostro corpo quando mangiamo zucchero?

Quando consumiamo carboidrati semplici o zucchero raffinato (zucchero o carboidrati che sono stati lavorati, cioè i loro nutrienti sono stati rimossi) questi “cibi” aumentano il nostro zucchero nel sangue, poiché non ci sono nutrienti o fibre legate ad essi per rallentare la digestione. L’insulina, un ormone che regola il nostro zucchero nel sangue, va in overdrive per ripulire il casino nel nostro flusso sanguigno. Poco dopo, il nostro zucchero nel sangue crolla drammaticamente, scendendo al di sotto di una linea di base sana. Questo, a sua volta, provoca un desiderio di più zucchero e carboidrati per riportare il nostro zucchero nel sangue alla linea di base. Se continuiamo a consumare zuccheri vuoti e raffinati, le montagne russe continuano.

Quando il nostro zucchero nel sangue ha un picco, l’insulina inonda il flusso sanguigno. Col tempo, questo può far sì che lo zucchero nel sangue smetta di rispondere all’insulina. Poiché l’insulina è costantemente nel flusso sanguigno, gli zuccheri non vengono rimossi. Questo può portare al diabete, alla nebbia cerebrale, all’esaurimento, alla fame costante e alla depressione.

Se le cellule sono sovraccariche di zucchero immagazzinato e non ne possono più, l’insulina porta lo zucchero in eccesso al nostro fegato, dove viene immagazzinato come glicogeno. Una volta che i depositi di glicogeno nel fegato sono pieni, questo glicogeno viene immagazzinato come acidi grassi e trigliceridi nei nostri tessuti (ciao, aumento di peso!).

E non è tutto. Dopo aver consumato zucchero, il tuo sistema immunitario è depresso per alcune ore, il che significa che sei più suscettibile di prendere un raffreddore o altre malattie mentre cavalchi quell’onda di zucchero. Lo zucchero raffinato è anche noto per lo stress delle ghiandole surrenali (che regolano il cortisolo, l’ormone dello stress, e l’aldosterone, che controlla la pressione sanguigna) e la tiroide (che secerne ormoni responsabili del mantenimento del metabolismo, delle funzioni cognitive e della temperatura corporea). I livelli di cortisolo spesso aumentano quando c’è un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, il che significa che i nostri livelli di stress diventano meno gestibili, e probabilmente ci sentiremo esausti, nervosi e ansiosi.

Lo zucchero attacca anche il collagene, la proteina strutturale che è responsabile dell’elasticità e della forza della pelle e della riparazione delle cellule morte. Così, il consumo eccessivo di zucchero può lasciarci con rughe premature e una carnagione che invecchia.

Lo zucchero impoverisce anche le vitamine B dalle riserve del nostro corpo. Le vitamine del gruppo B sono cruciali per la nostra salute mentale, la salute ormonale e i livelli generali di energia. Senza di loro, sentiamo maggiori sentimenti di ansia e depressione, abbiamo una maggiore probabilità di insonnia, il nostro cortisolo è fuori controllo, la nostra produzione di ormoni sessuali diminuisce (bye bye, libido!), e abbiamo maggiori probabilità di avere problemi di fertilità. Il consumo eccessivo di zucchero è anche collegato all’esacerbazione dei sintomi della sindrome premestruale, come mal di testa, crampi, irritazione e malumore.

La chiave per tenere a bada le nostre voglie di zucchero è mangiare per stabilizzare il nostro zucchero nel sangue. Mangiare una dieta ben bilanciata di carboidrati ricchi di fibre, proteine di qualità e grassi sani vi sazierà, vi libererà dalle continue voglie e manterrà i vostri ormoni in equilibrio e lo zucchero nel sangue normalizzato. L’esercizio fisico regolare e il sonno diminuiscono anche la glicemia attiva e abbassano i livelli di cortisolo. Questo vi manterrà sazi e sani di mente, dando un calcio a quelle voglie di zucchero.

Jamie Forward è un allenatore di salute olistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.